Prodotti complementari per l’imballaggio Teramo

  • xxx

    Tra i prodotti complementari per imballaggio a Teramo troviamo il nastro adesivo, comunemente chiamato scotch, è un nastro di plastica o carta a cui è applicata una sostanza adesiva. Il nastro può essere adesivo da un solo lato o da entrambi (nastro biadesivo), in questo caso una delle due facce del nastro è spesso protetta da una pellicola. Il nastro adesivo è utilizzato per incollare oggetti fra loro per lo più temporaneamente, ma anche permanentemente. L’adesione avviene per semplice contatto con l’oggetto.

    I vari tipi di nastro adesivo per imballo o chiusura scatole si differenziano fra loro per il supporto (PVC o PPL) e per il tipo di colla. La colla più appiccicosa, adatta ad ogni tipo di materiale (carta, plastica, vetro) è quella in gomma naturale. Gli altri tipi di colla sono la colla acrilica, adatta per applicazioni in cui la colla deve tenere anche per molti anni, e la colla holt melt, adatta per le nastratrici automatiche.

    Il PPL è di tipo acrilico e silenzioso. Quello maggiormente venduto dai supermercati e ferramenta. È indicato per un uso frequente. La colla è soggetto a deterioramento in base alla modalità di conservazione, ambienti con forti variazioni di temperatura influiscono maggiormente. Non è indicato per pacchi pesantissimi perché il nastro più sottile si spezza più facilmente. Il PPL è biodegradabile. Il PVC garantisce maggiore resistenza del nastro, della colla e con durata per moltissimi anni. È indicato per pacchi pesantissimi perché la plastica è più resistente, la colla è migliore ed inoltre non lascia residui su superfici lisce ad esempio mobili o vetri. Il PVC non è biodegradabile.

    Il film estendibile, presente tra i prodotti complementari per imballaggio a Teramo è prodotto in politene lineare, con alta capacità di allungamento (fino a tre volte la lunghezza originaria). Viene commercializzato in bobine di solito in altezza cinquanta cm sia per uso su macchine automatiche sia per uso manuale: le bobine manuali pesano da 2,5 a 5 kg. Esso va allungato nella fase di applicazione, e crea un avvolgimento elastico che permette di bene stabilizzare i carichi (di solito bancali) che sono stati avvolti.

    Il film estendibile per uso manuale (preallungato) viene stirato e allungato in fase di produzione, riducendone l’altezza, che passa da cinquanta a quarantacinque cm, e lo spessore. Nell’utilizzo manuale, il film preallungato presenta moltissimi vantaggi rispetto a quello tradizionale, innanziattutto la fatica è minore perché lo sforzo di allungamento richiesto è di un decimo rispetto all’uso del film tradizionale. 

    Il film è allungato al meglio delle sue caratteristiche tecniche, per cui la stabilità del bancale è costante; con il film tradizionale, tirando poco l’avvolgimento resta molle, tirando troppo si assottiglia il film che può rompersi. Il consumo di film è meno della metà del film tradizionale, visto il basso spessore, a parità di numero di giri e di qualità dell’avvolgimento. Occorre meno petrolio per fabbricarlo, e si getta via meno della metà del materiale; si risparmia sul CONAI. Le bobine sono più leggere e più lunghe, occorre meno spazio in magazzino.

    Il film preallungato presente tra i prodotti complementari per imballaggio Teramo può essere utilizzato anche su macchine automatiche, con una buona riduzione dei costi, dei pesi e del CONAI. Poiché il film è molto più sottile dello standard, l’avvolgi pallet deve funzionare, pena il verificarsi di rotture.